PREPARIAMOCI AI PRANZI DELLE FESTE CON LA DIETA METABOLICA

Questo “innovativo” regime alimentare è diventato nel giro di pochi anni alquanto popolare nel sempre molto ricettivo mondo del body building dove la prassi di alternare periodi di carico e periodi di scarico glicidico è cosa usuale, in particolar modo nei periodi in cui si presta una particolare attenzione alla definizione muscolare ovvero quando siamo in vista delle competizioni.

Le caratteristiche della dieta metabolica

La dieta metabolica inizia con il cosiddetto periodo di prova, periodo che si protrae per circa un mese di tempo. Scopo fondamentale del periodo di prova è scoprire la quota di glicidi necessaria affinché l’organismo funzioni in modo ottimale.
Il periodo di prova della dieta metabolica è caratterizzato da una netta riduzione dell’apporto di glicidi (i carboidrati). Il periodo di prova viene suddiviso in periodi di 12 e 2 giorni. Quello di 12 giorni viene definito periodo di scarico (forte riduzione dell’apporto glicidico e notevole apporto di lipidi), quello di 2 giorni viene invece definito periodo di carico (notevole apporto glicidico).
Scopo di questo approccio è quello di insegnare all’organismo a soddisfare le sue richieste energetiche bruciando i grassi.
Durante la fase di scarico la (allucinante) ripartizione dei macronutrienti è la seguente:

50-60% lipidi, 30-50% proteine, 30 g di carboidrati.

Nella fase di carico la ripartizione è invece la seguente:

35-55% carboidrati, 25-40% lipidi, 15-30% proteine.

Nel caso che nella fase di scarico il soggetto avverta notevoli stanchezza e affaticamento o altri problemi, sono previste dalla dieta metabolica diverse soluzioni affinché i disagi che si provano scompaiano completamente. Sostanzialmente si tratta di aumentare gradualmente l’apporto di carboidrati fino a che la sintomatologia indesiderata non scompare. Dopo che il soggetto sente di aver identificato con certezza la sua quota ideale di apporto glicidico, si può passare alla seconda fase della dieta metabolica.
Secondo i piani di Di Pasquale, grazie a questo periodo di prova previsto dalla sua dieta metabolica, l’organismo del soggetto è ormai in grado di bruciare i grassi nel modo più efficiente; allo scopo di mantenere questa importante caratteristica è necessario a questo punto impostare il proprio regime alimentare alternando 5 giorni di scarico a 2 giorni di carico; la ripartizione dei macronutrienti deve essere ovviamente quella individuata con il periodo di prova.

Iniziamo il periodo di prova i 12 giorni prima del Natale per poi fari il carico senza rimorsi il 25 e il 26. Poi ancora scarico per ricaricare il 31 e il 1. Scarichiamo ancora per poi arrivare al 6 pronti per mangiare

Esempio di Dieta Metabolica

LUNEDI’
Colazione:
bere un succo di pompelmo, senza zucchero, e un frutto di stagione, con caffe’o the’ senza zucchero o una tazza da 120 ml di latte scremato, senza zucchero. Meglio se usate l’aspartame come dolcificante.
Pranzo:
preparatevi delle carni magre assortite come pollo, tacchino, manzo, cavallo, fredde oppure ai ferri, con pomodori o melanzane o zucchine alla griglia
Cena:
del pesce magro, sogliola, orata, o crostacei, con un’insalata mista di verdure, una fetta di pane integrale e una mela verde.

MARTEDI’
Colazione:
come Lunedà¬
Pranzo:
macedonia di frutta più che abbondante
Cena:
hamburger grigliato con una ricca insalata di verdure: lattuga, sedano, pomodori, olive, peperoni, cetrioli e cetrioli etc.

MERCOLEDI’
Colazione:
come per gli altri giorni
Pranzo:
preparatevi una bella insalata di salmone o tonno al naturale, la porzione può essere assolutamente abbondante, melone o altra frutta di stagione
Cena:
carne magra fredda, come il roast-beef, o alla griglia, potrà essere fesa di vitello o tacchino, oppure 100 gr di bresaola con un’abbondante insalata di lattuga, pomodoro, olive, sedano, cetrioli…

GIOVEDI’
Colazione:
come per gli altri giorni
Pranzo:
preparatevi 2/3 uova sode o in camicia, con pomodori o zucchine, cavoletti di Bruxelles e una fetta di pane integrale
Cena:
del pollo o del tacchino alla griglia, più che abbondante, con pomodori, spinaci, piselli, peperoni…

VENERDI’
Colazione:
come per gli altri giorni
Pranzo:
preparate un bel piatto di formaggi assortiti: gruviera, grana, mozzarella, con lattuga, zucchine e spinaci
Cena:
pesce ai ferri a sazietà , insalata mista di verdure cotte o crude e un qualunque frutto di stagione

SABATO
Colazione:
come per gli altri giorni
Pranzo:
una bella macedonia di frutta più che abbondante
Cena:
tacchino o pollo arrosto o alla griglia, insalata di pomodori, con lattuga, zucchine, olive…

DOMENICA
Colazione:
come per gli altri giorni
Pranzo:
preparate 50 gr. di pasta condita con sugo di pomodoro e un cucchiaino di olio extravergine d’ oliva
Cena:
pesce lesso/griglia o del vitello arrosto, con insalata di verdure miste abbondanti: i soliti pomodori, lattuga, cetrioli, zucchine, sedano…

Buone Feste e buone mangiate

Paolo Fenza

passioneperlosport

SPORT COME PASSIONE E STILE DI VITA

Potrebbero interessarti anche...

Contattaci
Loading...